Adozione dei Libri di Testo

La normativa di riferimento è: Criteri per l’adozione dei libri di testo –  2017/2018

La deliberazione finale in materia di adozione dei libri di testo è devoluta, come noto, al collegio dei docenti (art. 7, comma 2 lettera “e” del D.L.vo 297/1994). Tuttavia l’adozione di un nuovo testo da parte del collegio dei docenti potrà avvenire dopo che questo sia stato precedentemente proposto nell’ambito del consiglio d’interclasse/classe e ne abbia ricevuto parere favorevole.

Il precedente vincolo temporale di permanenza dei testi scolastici (5 anni per la scuola primaria e 6 anni per la scuola sec. di 1° e 2° grado) sono abrogati. Pertanto il collegio può confermare i testi scolastici già in uso o procedere a nuove adozioni per le classi:

– prime e quarte della scuola primaria;

– prime della scuola secondaria di 1° grado;

– prime e terze e, per le sole specifiche discipline in esse previste, per le classi quinte della scuola secondaria di 2° grado.

Le nuove adozioni possono riguardare i soli testi in versione digitale o mista. Tale vincolo non si applica ai testi confermati in uso.

I contenuti dei libri di testo della scuola primaria e della scuola secondaria di 1° grado devono risultare rispondenti alle Indicazioni nazionali ex DM n254/2012. I testi consigliati possono essere indicati dal collegio dei docenti solo nel caso in cui rivestano carattere monografico o di approfondimento delle discipline di riferimento. I libri di testo non rientrano tra i testi consigliati. Rientra, invece, tra i testi consigliati l’eventuale adozione di singoli contenuti digitali integrativi.

Gli eventuali sforamenti dei tetti di spesa della scuola secondaria debbono essere contenuti entro il limite massimo del 10 %.

In tal caso le relative delibere di adozione dei testi scolastici debbono essere adeguatamente motivate da parte del Collegio dei docenti e approvate dal Consiglio di istituto.

Infine la delibera del collegio dei docenti è soggetta, limitatamente alla verifica del rispetto del tetto di spesaal controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile, ai sensi dell’art. 11 del decreto legislativo n. 123/2011.

Il collegio dei docenti può adottare, con formale delibera, strumenti alternativi al libro di testo, in coerenza con il piano dell’offerta formativa, con l’ordinamento scolastico e con il limite di spesa stabilito per ciascuna classe di corso.

I docenti proponenti sono invitati a recare le informazioni, precise e complete, riguardanti le nuove adozioni in modo da facilitare le necessarie verbalizzazioni (autore, titolo, sottotitolo, numero pagine, prezzo, codice ISBN, anno di produzione, editore).

 

Allegati

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi